Home > News > L’auto elettrica è un danno per l’industria italiana?

L’auto elettrica è un danno per l’industria italiana?

8 Nov 2018

Roma - Le auto elettriche fanno bene all’ambiente ma non all’industria. Almeno per quanto riguarda le numerose aziende produttrici di componenti che in una decina d’anni si troveranno il lavoro dimezzato fino a fare i conti con il fallimento. Il fenomeno non interessa soltanto la filiera italiana. Il Parlamento europeo, con l’ultimo voto di ottobre, ha abbassato ulteriormente l’asticella delle emissioni a cui le case automobilistiche dovranno sottostare implementando la tecnologia elettrica, per veicoli ibridi e per gli EV. La crisi del motore termico è trainata soprattutto dalla fine del Diesel: in tutta Europa la quota di mercato delle auto a gasolio è scesa dal 55% al 38%, intaccando il 7% delle aziende che attorno al motore Diesel hanno basato la loro industria con oltre 17mila lavoratori. Se da un lato la mobilità elettrica porterà nuovo lavoro nel settore energetico più che nell’automotive, secondo l’Osservatorio sulla componentistica italiana in realtà spaventa ora il 30% dei fornitori, circa 650 compagnie. Il motore elettrico è costruito con meno di una cinquantina di componenti, una cifra nettamente inferiore ai circa 3000 pezzi di cui ha bisogno un’unità Diesel. Addio al cambio manuale, quindi differenziali, frizioni e sistemi di scarico solo per dirne alcuni. I motori delle auto di domani non avranno bisogno di carburatori e dei numerosi collettori oggi in abbondanza sulle auto con motore endotermico. In Italia, come in altre parti d’Europa, ci sono aziende che da mezzo secolo producono i componenti necessari ai sistemi sopra elencati, che in pochi anni saranno obsoleti. In questo caso rimarranno le aziende capaci di adattarsi alle nuove esigenze dell’industria automotive, ma non sarà facile per costi e strumenti all’interno delle fabbriche. Finora meno del 20% delle aziende ha collaborato allo sviluppo di motori elettrici o ibridi, mentre meno del 70% non ha svolto alcun lavoro sulle nuove tecnologie. L’esempio più recente delle conseguenze immediate dell’elettrificazione è fornito da Giacomo Casati, imprenditore a capo della Fonderia Casati che deve il 90% dei ricavi al settore automotive. Un importante contratto milionario con Renault per la fornitura di collettori di scarico da 120mila pezzi l’anno che doveva terminare nel 2023 è stato ritrattato e terminerà nel 2020 causando un danno all’azienda. Come questa, sono tantissime le compagnie che in Italia si occupano di componenti che andranno incontro alla crisi, mentre altre vedranno crescere il loro business.

Condividi

Le nostre Promo

Passion for life

SUDAUTO SRL - P.I. 02234470801