Home > News > Le vendite europee di diesel sono diminuite bruscamente nel 2018

Le vendite europee di diesel sono diminuite bruscamente nel 2018

31 Jan 2019

Roma - Secondo i dati diffusi dall’istituto di ricerca Jato, nel 2018 il mercato automobilistico europeo è rimasto stabile con 15,6 milioni di veicoli immatricolati, solo 346 in più rispetto al 2017. Si tratta del miglior risultato dal 2007, quando il mercato raggiunse il suo apice con 16,02 milioni di immatricolazioni. I buoni risultati del secondo trimestre, dove il mercato è cresciuto del 4,8%, e del terzo trimestre, dove il mercato è cresciuto dell' 1,1%, sono stati sufficienti a compensare il forte calo del quarto trimestre, dove il mercato è sceso del 7,5%, registrando i volumi più bassi dal 2014. Calo dovuto, oltre al periodo, anche alla mancanza di molti modelli conformi al nuovi ciclo di omologazione WLTP, il test su consumi ed emissioni più severo e attinente all’uso reale rispetto al precedente NEDC. A livello globale, l'Europa, grazie agli ottimi risultati ottenuti in Spagna, Polonia e Paesi Bassi, che hanno compensato i cali nel Regno Unito, Italia e Svezia, è stato il terzo mercato automobilistico mondiale dopo la Cina e gli Stati Uniti. Analizzando i dati del 2018 emerge il crollo del diesel. I veicoli con questa tipologia di combustibile hanno registrato la quota di mercato più bassa dal 2001, facendo segnare 5,59 milioni di unità immatricolate. I veicoli diesel, nel 2018, rappresentano solo il 36% delle immatricolazioni, con una quota di mercato in calo dell’8% rispetto al 2017 e del 19% rispetto al 2011, anno di punta per questo tipo di carburante. Complessivamente, le immatricolazioni sono diminuite del 18% rispetto al 2017, 10 punti in più rispetto al calo registrato nel 2017, quando le immatricolazioni diesel sono diminuite dell'8% rispetto al 2016. Le auto diesel hanno continuato a dominare in tre paesi europei: Irlanda, Portogallo e Italia. La Francia ha superato il Regno Unito, diventando il terzo mercato del diesel in Europa, dopo Germania e Italia. Il diesel è tuttavia riuscito a mantenere la sua posizione al vertice dei marchi premium. Questa tipologia di carburante è ancora il preferito dai consumatori che acquistano le vetture a marchio Audi, Mercedes, BMW e Volvo. La Jato prevede che la diminuzione delle quote di mercato del diesel continuerà nel 2019, anche se molto probabilmente ad un ritmo più moderato. Con il diesel in caduta libera, sono risultati essere in crescita sia i veicoli a benzina, grazie ad una quota del 57%, che quelli con carburante alternativo, i quali hanno beneficiato di quasi 200.000 immatricolazioni in più rispetto al 2017. Il 2018 ha segnato la migliore performance di sempre per le auto ibride, ibride plug-in ed elettriche che, complessivamente hanno fatto segnare 944.800 immatricolazioni e una quota di mercato del 6,1%. I veicoli elettrici hanno superato i veicoli ibridi plug-in, passando da 132.800 nel 2017 a 195.300 nel 2018. La Norvegia è stato il maggiore mercato per i veicoli elettrici, con una quota di mercato del 31%, mentre i Paesi Bassi hanno superato il Regno Unito diventando il quarto mercato per le elettriche, dopo Germania e Francia. Se si pensa che nel 2008 questa tipologia di veicoli rappresentava solo lo 0,8% del mercato, si può parlare di un enorme aumento da dieci anni a questa parte. Per quanto riguarda la tipologia di vetture nel 2018 si registra, nonostante una crescita più lenta rispetto agli anni precedenti, la transizione dalle auto tradizionali alle SUV. In totale sono stati immatricolate in Europa 5,4 milioni di SUV, con un incremento del 19% rispetto al 2017 e una quota di mercato che è passata dal 29,2% al 34,6%. La maggior parte della crescita del mercato delle SUV è stata trainata dalle piccoli SUV, dove il volume è salito del 29%, fino ad arrivare a 2 milioni di immatricolazioni. Le SUV compatte hanno continuato ad essere la tipologia di SUV più popolari, con 2,3 milioni di immatricolazioni, registrando un aumento di volume del 17%. Le immatricolazioni delle monovolume sono scese del 27%, risentendo ancora una volta dell'impatto del boom delle SUV. Tra le SUV più vendute in Europa ci sono la Nissan Qashqai, che ha mantenuto il primo posto, e la Peugeot 3008. Pochi cambiamenti sono stati registrati al vertice della classifica delle case automobilistiche più grandi; il Gruppo VW ha mantenuto la sua posizione di vertice, con 3,72 milioni di immatricolazioni e una quota di mercato stabile al 23,8%, seguito dal Gruppo PSA e dall’Alleanza Renault-Nissan, rispettivamente al secondo e al terzo posto. Il BMW Group è salito nella classifica fino a diventare il quarto produttore automobilistico europeo, mentre il Gruppo Hyundai-Kia è stato il costruttore che è cresciuto di più in termini di quota di mercato, con un aumento del 5,2% del volume delle immatricolazioni, registrando 1,03 milioni di unità.

Condividi

Le nostre Promo

Passion for life

SUDAUTO SRL - P.I. 02234470801